Una bambina svettante nel cielo di Palmi, una macchina lucente come il cuore di Santa Rosa a Viterbo, otto torri danzanti che penetrano il cielo a Nola, undici candelieri che piroettano legando a sé tutta la popolazione con nastri colorati a Sassari.

Le macchine a spalla sono quelle impressionanti strutture processionali portate sulle spalle da centinaia di persone nel corso di celebrazioni religiose caratterizzate da un’intensa partecipazione collettiva, profondamente radicate nella tradizione mediterranea. Tra queste, La Macchina di Santa Rosa di Viterbo, i Gigli di Nola, la Varia di Palmi e i Candelieri di Sassari, formano, dal 2005, la “Rete delle Grandi Macchine a Spalla Italiane”, che, per audacia, spettacolarità e bellezza delle sue varie imprese è stata decretata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, nonché “modello e fonte di ispirazione” per le candidature a venire a connotazione immateriale. Questi trasporti eccezionali, metafora della fine e del nuovo inizio, animati da una pulsione estrema verso l’impresa impossibile, sono al centro delle feste della “Rete delle Grandi Macchine a Spalla Italiane” che, chiudendo enfaticamente un ciclo e aprendone un altro, cadenzano il calendario annuale delle comunità protagoniste di tali impressionanti eventi collettivi.

“Più l’abisso è profondo e basso, tanto maggiori e smisurate sono l’altezza e l’elevazione, e più il pozzo è profondo, più nel contempo è alto, giacché altezza e profondità sono una cosa sola”

(Meister Eckart)

Consulta l'archivio storico

Oppure inviaci il tuo materiale Storico, foto, video, documenti